Decluttering: come farlo prima del trasloco

0
728
Decluttering Traslochi

Cosa significa decluttering?

Avete mai sentito parlare di decluttering? Un termine inglese che si sta largamente diffondendo nel nostro Paese e che letteralmente significa: “liberarsi del superfluo” (o ciarpame). Tutti nella vita, prima o poi, dovremmo fare un’operazione di decluttering.
Negli anni, in casa, possono annidarsi oggetti di cui spesso ci dimentichiamo. Molte volte si tratta di cose vecchie o danneggiate che non buttiamo via pensando di poterle riutilizzare in futuro. Ma se state per traslocare è bene che approfittiate di questo momento per fare un po’ di pulizia, anzi decluttering. Non vorrete certo riempire la nuova casa di oggetti inutili?

Come si fa il decluttering?

Procedete con calma e stilate una bella lista. Cominciate analizzando ogni singola stanza della casa e procuratevi diversi scatoloni sui quali andrete a scrivere la destinazione dei diversi oggetti. Potrete scegliere se: regalarli ad amici e parenti, donarli alla Caritas, gettarli via, riciclarli in modo creativo o eventualmente tenerli in cantina.

Riflettete attentamente prima di prendere una decisione sull’oggetto in questione. Chiedetevi se davvero può servirvi, quante volte lo avete utilizzato negli ultimi due anni e, se si tratta di un prodotto deperibile, controllate sempre la data di scadenza. Partite ad esempio dal bagno e aprite tutti gli armadietti. Sicuramente ci saranno cosmetici e medicinali scaduti che necessitano di essere buttati. Passate poi alla camera da letto: nell’armadio avrete valanghe di vestiti che non mettete più. È arrivato il momento di liberarvene.
Passate poi alla cucina e gettate via gli alimenti scaduti, soprattutto quelli in scatola. Se si tratta di cibi in scadenza, cercate di consumarli prima di traslocare. Controllate bene se tra le stoviglie c’è qualcosa di cui potete sbarazzarvi o che potete regalare.
Anche le vecchie riviste meritano un posto speciale… il secchio della raccolta differenziata! I libri non si buttano, quindi se pensate di non leggerli più regalateli ad amici e parenti oppure donateli alla biblioteca.

Quando si trasloca sono davvero tantissime le cose a cui pensare, è sicuramente un momento molto faticoso e stressante soprattutto se gli oggetti da imballare e portare via sono numerosi. Seppure non facile, cercate di considerare gli aspetti positivi di questo momento di cambiamento, per esempio, l’incredibile opportunità di fare un bel repulisti e liberarvi di tutto ciò che non vi servirà nella nuova casa o comunque di tutto quello che non usate da anni. Pensateci bene, quando vi ricapita un’occasione così? Medicinali scaduti, vecchi cosmetici, soprammobili stipati in un cassetto di cui ignoravate l’esistenza, vecchi asciugamani e, soprattutto, vestiti che non indossate più da anni. Sicuramente, sono decine le cose di cui potreste sbarazzarvi, l’importante è fare una bella lista e organizzarsi al meglio affinché il ripulisti sia davvero efficace.

Come si procede per fare una cernita degli oggetti da buttare?

Per prima cosa, analizzate una stanza della casa alla volta e inserite nella vostra lista gli oggetti che non vorreste portare nella nuova casa. Il consiglio è partire dalla cucina, la stanza che più di tutte potrebbe custodire “tesori” nascosti. Di sicuro, nell’armadietto delle spezie troverete qualcosa di non commestibile così come nella dispensa, magari in uno degli angoli più nascosti. Gettate via tutto ciò che ha superato la data di scadenza. A questo punto passate al pentolame, anche in questo caso ci saranno padelle e vecchie pentole che meritano di finire nella pattumiera.

Terminata la ricognizione della cucina, è ora di spostarsi in camera da letto. L’armadio e i cassetti sono i primi a dover essere aperti. Sicuramente, avrete tanti indumenti che non indossate più, perché non fare un bel sacco da donare in beneficenza alle persone più bisognose (a patto che gli abiti siano in buono stato)?

Siamo arrivati al bagno che molto spesso nasconde inaspettate sorprese, a partire dall’armadietto dei medicinali. Liberatevi di tutti quelli scaduti e fate lo stesso con i cosmetici, i prodotti di bellezza, i detergenti ecc. Riponete negli scatoloni solo ciò di cui avrete realmente di bisogno nella nuova casa.

Infine, disfatevi di tutto ciò che è rotto come per esempio gli apparecchi elettronici. I libri, invece, non si buttano mai via, quindi se proprio non volete portarli con voi, donateli alla biblioteca del quartiere o a qualche amico. Le vecchie riviste e i quotidiani possono servire per imballare gli oggetti fragili, quindi non gettateli via fino a quando non avrete terminato le operazioni di imballaggio.

Vuoi ulteriori consigli per il trasloco? Scopri di più.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

19 + 19 =